Blog images

In un mercato online in continua crescita caratterizzato da una forte concorrenza, si è sempre in cerca delle funzioni e degli strumenti giusti per compiere uno scatto in avanti. Per questo oggi parliamo di come rendere più efficace un’attività di e-commerce.

Nel precedente post abbiamo parlato di quanto sia importante che un sito comunichi bene anche agli utenti stranieri, sottolineando il trend dell’internazionalizzazione della propria immagine. Oggi vogliamo quindi spiegarvi come un sito può sfruttare le sue potenzialità per vendere. Parliamo dell’e-commerce e lo facciamo attraverso PrestaShop di cui siamo partner certificati. 


Iniziamo con qualche dato, non per annoiarvi, ma per riportare un quadro della situazione italiana dell’e-commerce oggi. 
Secondo il PwC, Total Retail 2017, il 20% dei consumatori italiani acquista tramite smartphone almeno una volta la settimana (in crescita rispetto al 14% del 2015), il 19% acquista via tablet (dal 12% del 2015) e il 32% acquista tramite PC (dal 24%). 
L'e-Commerce non offre vantaggi soltanto ai consumatori, ma anche ai commercianti, infatti secondo un'indagine dell'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, i prodotti venduti on-line costano meno rispetto a quelli venduti in un negozio tradizionale. 
Potenzialmente una piattaforma online permette di raggiungere una clientela molto vasta. I negozi online crescono ad un ritmo più veloce rispetto a quelli tradizionali: confrontando il segmento delle vendite online con l'intero mondo del commercio, una ricerca elaborata da InfoCamere per UnionCamere rivela che il numero delle imprese, che vendono on-line i propri prodotti o servizi, è aumentato di 8.994 unità tra il 2009 e il 2015 (+151,6% nell'arco di sei anni) mentre, contemporaneamente, il settore del commercio al dettaglio – poco più di 870mila aziende – ha “guadagnato” solo 7.170 imprese (+0,83%). 
Queste statistiche tolgono ogni dubbio sull’andamento dei negozi online, che sono in crescita, soprattutto da smartphone e tablet, e questo è un ottimo momento storico per indirizzare il proprio business su questi canali. Ma come fare per avere un sito che vende? 

Scegliere la piattaforma giusta è il primo passo e noi oggi vi parliamo di PrestaShop. Entriamo nel dettaglio delle funzionalità di questa piattaforma: quali strumenti abbiamo a disposizione per personalizzare il nostro sito e-commerce? 

- Personalizzazione della vetrina, con la possibilità di definire i template e organizzazione dei prodotti (fisici, digitali, scaricabili o confezioni miste con la possibilità di aggiungere varianti grazie a una descrizione più dettagliata) e animandola mettendo in risalto nuovi arrivi e best sellers. 

- Riduzione dei tempi di commercializzazione attraverso la definizione del metodo di pagamento e del corriere per la spedizione, impostando le tasse e le avvertenze legali. Gestione completa e sicura degli ordini attraverso una visualizzazione dettagliata di ognuno e all’invio di e-mail automatizzate, che consentono ai tuoi clienti di seguire i loro ordini.

- Raccogliere una grande quantità di dati riguardanti le performance dell’e-shop. Tenendo traccia delle vendite in base al prodotto e alle categorie, conoscendo tutte le abitudini dei clienti ed evitando cali nelle vendite individuando i problemi da risolvere nel tuo negozio. 

- Creazione di un accesso veloce per tutti i tuoi dipendenti, le agenzie e i freelance grazie ai profili dei dipendenti e ai permessi utente. Si possono anche registrare tutte le azioni compiute attraverso il pannello amministrativo. 

- Gestione di un servizio clienti efficace segmentando le richieste degli acquirenti e creando template per ridurre i tempi di risposta, così da soddisfare al meglio i clienti. Si possono inoltre automatizzare le procedure di reso e consentire agli utenti di tracciarne l’avanzamento. 


Una volta che si ottengono tutte le funzioni che desideriamo per il nostro e-Shop, dobbiamo tenere in considerazione un importante fattore: la fiducia che si instaura con l’utente. Non sottovalutiamo questo aspetto, una persona metterà mano alla carta di credito, inserendo i suoi dati, solo se si fiderà di noi. Come si può creare questo rapporto di fiducia? Per esempio fornendo in chiaro, le caratteristiche di reso, spedizione, le modalità di pagamento ed i contatti: mail, telefono, posizione geografica. Inoltre curare una strategia social permetterà all’utente di verificare l’attualità delle notizie che escono dall’azienda e quindi di sentirsi più sicuro nell’affrontare con essa un acquisto. Inoltre ricordate che i post sul vostro blog, pubblicazioni sui social e newsletter sono ottimi strumenti per entrare in contatto con il target e spingerlo a visitare il negozio online. Ma attenzione, il contenuto che diffondete deve essere innanzitutto efficace e pertinente! 

Un altro modo per instaurare fiducia è fornire assistenza, non abbandonare l’utente cosicché lui non abbandoni il suo carrello! I dati ci dicono che il 65% degli utenti non porta a termine i propri acquisti online per piccoli problemi irrisolti. Non trovarsi di fronte una persona con la quale poter discutere di questi problemi è un grande deficit che dobbiamo colmare in qualche modo: live-chat e assistenza post-vendita sono alcuni esempi. 

Quello dell’e-commerce è un ambito in continua crescita ed evoluzione, tenersi continuamente aggiornati è fondamentale, e PrestaShop organizza durante l’anno delle giornate dedicate all’e-commerce e a tutto ciò che ruota intorno, momenti di confronto e occasioni di sviluppo e innovazione per il proprio business… e per il prossimo PrestaShop Day dovrete volare a Madrid! Segnate sul calendario il 4 maggio! 

Ma la vera sfida sullo sviluppo di un e-shop comincia proprio quando si va online, perché da quel momento in poi bisogna poter contare su una persona o una struttura che possa seguire l’evolvere del progetto, ed i fisiologici intoppi nei primi giorni di avvio. Un mondo, quello dell’e-commerce, che non si esaurisce semplicemente con qualche definizione di funzioni e un approccio sistematico, si tratta di una costante gestione e “manutenzione”, continui aggiornamenti e uno studio accurato della strategia di comunicazione, oltre che quella di vendita!