Blog images

Il ventunesimo secolo è l’esempio più lampante di quella che chiamano iper-connessione, lo sviluppo esponenziale della tecnologia ha permesso di mettere in contatto chiunque, in qualsiasi momento attraverso molteplici piattaforme. Avendo accesso al web in totale autonomia, il cliente ha modo di ottenere tutto quello di cui ha bisogno, talvolta anche scavalcando le aziende. Chi si occupa di marketing B2B sa bene quanto sia importante intercettare i bisogni dei clienti prima ancora che questi si mettano a cercare le informazioni in autonomia.

Il successo delle grandi imprese è la realizzazione di prodotti su misura per i propri clienti, risultato finale di un’efficace campagna pubblicitaria che punta a intercettare e poi accompagnare i clienti lungo tutto il processo di acquisto. Uno dei compiti principali dei marketer B2B, infatti, è quello di personalizzare quanto più possibile i canali di comunicazione per non passare inosservati. Con l’avvento del digitale e della posta elettronica, il marketing online ha assunto un ruolo di grande importanza, soprattutto nell’ultimo periodo grazie ai social network. 


L’obiettivo è utilizzare tutti gli strumenti a disposizione (digitali e non) per inserirti il più possibile all’interno del processo di acquisto dei clienti (che va dall’intenzione di acquisto fino all’effettiva vendita). Riuscire ad anticipare i bisogni dei clienti è fondamentale per capire quali strategie utilizzare e come fidelizzare gli acquirenti anche a distanza di tempo

La maggior parte delle conversioni degli utenti B2B avvengono al di fuori dell’orario di lavoro. Quando si tratta di prendere decisioni d’acquisto o di investimento, i clienti business navigano in internet anche in privato, rimanendo online anche fuori dall’ufficio e solo il 47% delle conversioni avvengono durante le ore lavorative. Rimanere online, soprattutto per chi fa Marketing B2B, è doveroso. Spesso i migliori affari vengono fatti proprio nel tempo libero, dove la mente è più libera e capace di cogliere le opportunità. Una volta capito il quando, è bene sviluppare la strategia giusta per pianificare i tuoi contenuti in modo incisivo, ad esempio sfruttando gli strumenti digitali utilizzati proprio fuori dall’ufficio. 

Alcuni consigli: 

- Se hai un’azienda e vuoi promuovere la tua attività, condividi notizie e contenuti inerenti al tuo business. Chi segue la tua azienda nei social lo fa per il tuo brand e per ciò che proponi, non per le tue opinioni. 

- Quello che bisogna fare è utilizzare i dati CRM che si possiedono su ogni cliente o prospect e indirizzarli di conseguenza. Attraverso le email personalizzate, dai la sensazione di offrire un servizio esclusivo e personalizzato, generando contenuti capaci di catturare l’attenzione del destinatario. 

- Ecco che diventa determinante come si presenta il tuo sito sugli smartphone, per non compromettere l’esperienza del cliente. Un sito che si rispetti è un sito chiaro e facilmente accessibile da chiunque. Responsive, prima di tutto (lo sapevi che Google penalizza i siti web senza una versione mobile?) 

- Considerazione che si lega ai primi due punti: ogni volta che pensi ad un’azione di marketing B2B, devi avere sempre bene in mente a chi ti stai rivolgendo: al tuo cliente. Quindi rimani focalizzato e crea la tua offerta attorno al contesto e al cliente stesso. 

Il marketing B2B non è una scatola magica che si vende chiusa: analisi dei dati, studio di una campagna efficace e redazione di una strategia completa è un lavoro complesso. Affidati a professionisti per implementare le tue vendite!